commercialisti fazzalari

Cedolare secca

Il testo della nuova Legge di Bilancio prevede l'estensione della cedolare secca agli immobili commerciali della categoria catastale C1 (negozi e laboratori), con superficie fino a 600 mq, escluse le pertinenze e relative pertinenze locate congiuntamente.

In questi casi, a partire dai contratti di locazione stipulati nell’anno 2019, si potrà optare per la cedolare secca al 21% rispetto al regime ordinario secondo il quale il reddito fondiario concorre ai fini dell’IRPEF.

Tale regime non è invece applicabile ai contratti stipulati nell’anno 2019, qualora al 15 ottobre 2018 risulti già in essere un contratto non scaduto, tra i medesimi soggetti e per lo stesso immobile, interrotto anticipatamente rispetto alla scadenza naturale.

La fatturazione elettronica

Dal 1° gennaio 2019 entrerà in vigore la fatturazione elettronica obbligatoria. 
Molti sono i dubbi degli imprenditori, che ancora non conoscono la modalità di funzionamento di questo nuovo sistema digitale, che rivoluzionerà l'intero assetto organizzativo/amministrativo delle imprese.
Già sin dal 2015 la fattura elettronica è obbligatoria nei rapporti con le PA e gli enti pubblici.
Dall'anno prossimo tale sistema sarà l'unico ammesso, e permetterà di abbandonare per sempre il supporto cartaceo e tutti i relativi costi di stampa, spedizione e conservazione.
L'e-fattura è un sistema digitale di emissione, trasmissione e conservazione delle fatture che viaggia dal mittente al destinatario attraverso un Sistema di Interscambio, che ha il compito di "validare" la fattura, ovvero di verificarne la correttezza. La fattura verrà prodotta generando un file, che verrà inviato al Sistema di Interscambio, verrà eventualmente validato ed accettato dal sistema ed, infine, inviato alla conservazione sostitutiva. 
La conservazione sostitutiva è una procedura informatica che permette di conferire valore legale nel tempo; la normativa prevede che i lotti di fatture elettroniche vengano conservati per 10 anni (termine legale previsto per l'obbligo di conservazione).
L'introduzione dell'obbligo della fatturazione elettronica non riguarda, per ora, le imprese che applicano regimi fiscali di vantaggio, nello specifico il regime forfetario ed il regime dei minimi, ed il regime speciale agevolato in agricoltura, oltre le imprese che effettuano operazioni nei confronti dei non residenti nel territorio italiano. Ma questi soggetti, seppur esonerati dall'emissione, dovranno comunque essere pronti a ricevere le fatture elettroniche.
 

730 precompilato


Dal 15 aprile 2015, in via sperimentale, l'Agenzia delle Entrate metterà a disposizione dei titolari di redditi di lavoro dipendente e assimilati, il modello 730 precompilato. Modello che può essere accettato o modificato.
Il vantaggio fondamentale per il contribuente (oltre a quello relativo all’ulteriore semplificazione nella compilazione del modello) è legato ai controlli. Infatti, se il 730 precompilato viene presentato senza effettuare modifiche, non saranno effettuati i controlli documentali sulle spese comunicate all’Agenzia dai soggetti che erogano mutui fondiari e agrari, dalle imprese di assicurazione e dagli enti previdenziali (interessi passivi, premi assicurativi e contributi previdenziali).

Leggi tutto...

La cedolare secca

La “cedolare secca” è un regime facoltativo, che si sostanzia nel pagamento di un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali (per la parte derivante dal reddito dell’immobile). In più, per i contratti sotto cedolare secca non andranno pagate l’imposta di registro e l’imposta di bollo, ordinariamente dovute per registrazioni, risoluzioni e proroghe dei contratti di locazione.La cedolare secca non sostituisce l’imposta di registro per la cessione del contratto di locazione.

Leggi tutto...

IL MARCHIO

Il MARCHIO D'IMPRESA è un segno distintivo che serve a contraddistinguere i prodotti o servizi che un'impresa offre sul mercato. E’ un segno grafico di proprietà esclusiva.

Leggi tutto...